Attenzione
  • JFolder: :files: Il percorso non è una cartella. Percorso: /home/coeso/public_html/images/foto/ribolla
Notice
  • There was a problem rendering your image gallery. Please make sure that the folder you are using in the Simple Image Gallery plugin tags exists and contains valid image files. The plugin could not locate the folder: images/foto/ribolla

Porta del Parco

Coeso Porta del ParcoPorta del Parco - Ribolla
Ribolla (Roccastrada) - piazza della Libertà 3

.

telefono - fax: 0564/578033

 

orari di apertura al pubblico:

 lunedì   14.15 - 18.15

martedì  9.15 -  13.15 e 14 - 17

mercoledì 14.15 - 18.15

giovedì 14.15 - 18.15

venerdì 9.15 - 13.15 e  14 - 17

 

 referente: Riccardo Toticchi, e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La "Porta del Parco" di Ribolla mira a essere, oltre a ufficio di informazioni turistiche e porta di accesso al Parco teconologico e archeologico delle Colline Metallifere, anche Centro di documentazione e raccolta di materiale e testimonianze dell’attività mineraria di Ribolla e degli altri centri del territorio. Un luogo dedicato anche all’animazione sociale, che ha l’obiettivo di diventare centro di aggregazione per la comunità ed è per questo che ospita il Centro bibliotecario, distaccamento della Biblioteca comunale “Antonio Gamberi” di Roccastrada, e fornisce servizio di accesso gratuito a internet.

Il Parco tecnologico e archeologico delle Colline Metallifere, nato dalla volontà di non disperdere la storia delle attività minerarie e della metallurgia che hanno caratterizzato questa parte della provincia di Grosseto. Il Parco ha come finalità il recupero, la conservazione e la valorizzazione del patrimonio ambientale, storico-culturale e tecnico-scientifico delle Colline metallifere, promuovendo un circuito turistico e culturale.
Il Parco comprende il territorio dei sette Comuni a nord della Provincia di Grosseto: Follonica, Gavorrano, Massa Marittima, Montieri, Monterotondo Marittimo, Roccastrada e Scarlino, ognuno dei quali ospita una “porta del Parco” che, oltre a ricoprire il ruolo di centro di accoglienza, informativo e di documentazione, organizza e promuove itinerari e visite sul territorio.

Per circa tre millenni, infatti, il comprensorio delle Colline metallifere è stato interessato dall’estrazione di minerali. I primi a scoprire la ricchezza del territorio sono stati gli Etruschi; altri importanti lavorazioni minerarie si sono registrate nel periodo di antico e medievale. A partire dall’ ‘800 ha inizio l’attività di estrazione di lignite picea soprattutto nelle miniera di Ribolla, Montemassi e Casteani.

{gallery}foto/ribolla{/gallery}

Visita il sito del Parco