Servizio civile: fino a venerdì le domande per i 7 posti al Coeso

Servizio regionale civile

Mettersi alla prova in campo sociale, confrontandosi con la disabilità, con le strutture per persone anziane, con i servizi amministrativi di supporto al segretariato sociale. Potranno farlo i sette giovani volontari, di età compresa tra i 18 e i 30 anni, che saranno selezionati dal Coeso Società della Salute per i progetti di servizio civile regionale.

 C'è tempo fino a venerdì 2 marzo per presentare domanda e rientrare nelle selezioni del bando regionale, che rientra nel progetto Giovanisì, con cui 974 giovani residenti in Toscana potranno vivere un'esperienza, importante per il loro futuro e per la loro formazione, della durata di otto mesi. 

A Grosseto, il Coeso SdS selezione due ragazzi per il progetto “Disabil-mente” di supporto alle attività per le persone disabili assistite, altri due, invece, potranno operare presso la casa di riposo “Ferrucci” di Grosseto che oltre alla residenza sanitaria ospita anche un centro diurno, frequentato ogni giorno da decine di persone, con il progetto con "Generazioni a confronto tra memoria e ascolto", mentre tre volontari saranno selezionati per il progetto “Social back office”, di sostegno alle attività amministrative dei servizi sociali. 

Le domande dovranno essere presentate compilando un modulo disponibile sul sito della Regione Toscana. Possono partecipare alla selezione i ragazzi di età compresa tra i 18 e i 29 anni (e quindi che non abbiano compiuto il trentesimo anno di età), disoccupati, inattivi e inoccupati,  siano residenti in Italia e siano in possesso di idoneità fisica. Può essere fatta richiesta di selezione per un solo progetto, pena l'esclusione della selezione. 

I giovani rimarranno in servizio per 8 mesi, ricevendo un rimborso spese dalla Regione di 433,80 euro mensili.

Per informazioni, è possibile visitare il sito del Coeso SdS all'indirizzo www.coesoareagr.it sezione “Attività”, sotto sezione “Servizio civile”, scrivere a This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it., chiamare il numero 0564 439210, ogni lunedì, mercoledì e venerdì, dalle 9 alle 12 o telefonare al numero verde attivato dalla Regione 800 09 87 19.