"La miniera a memoria" per non dimenticare la tragedia del 1954

Un mese di iniziative ed eventi per ricordare il 63esimo anniversario della strage mineraria di Ribolla, avvenuta il 4 maggio 1954 e costata la vita a 43 minatori. Come ogni anno, nella frazione di Roccastrada la memoria storica sarà al centro del cartellone "La miniera a memoria", ricco di appuntamenti che si apriranno ricordando il tragico evento, giovedì 4 maggio, e andranno avanti fino a martedì 30 maggio coinvolgendo la comunità locale e, in particolare, le scuole.

Gli eventi sono promossi dal Comune di Roccastrada in collaborazione con Coeso SdS, Parco Tecnologico Archeologico delle Colline Metallifere Grossetane, Fondazione Bianciardi e numerose associazioni locali. L’edizione 2017 de "La miniera a memoria" è stata presentata venerdì 28 aprile alla Tenuta Rocca di Montemassi dal sindaco di Roccastrada, Francesco Limatola e dall’assessore alla cultura, Emiliano Rabazzi. 

Il ricordo della tragedia di 63 anni fa. L’omaggio alle 43 vittime dell’esplosione del 4 maggio 1954 nella miniera di gas grisou di Ribolla aprirà, come da tradizione, il cartellone de "La miniera a memoria" nella giornata di giovedì 4 maggio, con la Santa Messa nella Chiesa dei Santi Barbara e Paolo apostolo. Alle ore 10 seguirà la deposizione della corona al Monumento al minatore, con la benedizione, il saluto delle autorità istituzionali, la lettura del racconto "Ho visto un boato" di Marco Ciacci e una poesia in ottava rima dell’Associazione Sergio Lampis improvvisar cantando. Alle ore 11.30 sarà deposta una corona al Pozzo Camorra, luogo della tragedia, prima di darsi appuntamento al pomeriggio.

 Le celebrazioni del 4 maggio riprenderanno alle ore 16 alla Porta del Parco di Ribolla, con la presentazione del libro fotografico "Il villaggio, il lavoro, la tragedia", curato da Silvano Polvani, e si chiuderanno alle ore 21 nell’ex cinema della frazione roccastradina, con lo spettacolo teatrale "Italiani cìncali!". La performance, diretta e interpretata da Mario Perrotta, autore insieme a Nicola Bonazzi, porterà in scena l’emigrazione italiana nelle miniere di carbone del Belgio attraverso un’epopea popolare che racconta uno dei capitoli più amari della storia repubblicana italiana, fatta di uomini scambiati con sacchi di carbone, paesi abitati solo da donne e lettere cariche di invenzioni per non svelare le condizioni umilianti del lavoro ai propri cari. Lo spettacolo ha ricevuto la targa commemorativa della Camera dei Deputati per “l’alto valore civile del testo e per la straordinaria interpretazione” ed è stato finalista al Premio UBU 2004.

Gli altri appuntamenti. Il calendario ‘La miniera a memoria’ andrà avanti fino al 30 maggio con incontri, presentazioni di libri, mostre, spettacoli teatrali, escursioni fra storia e cultura e momenti di sport e socializzazione per far conoscere, soprattutto ai giovani, la storia mineraria di Ribolla e la sua influenza sullo sviluppo sociale della frazione e di tutto il territorio roccastradino. Dal 27 aprile al 17 maggio, inoltre, lo stadio ‘Gaetano Scirea’ di Ribolla ospita il 7° torneo di calcio “La Miniera a Memoria”, Categoria esordienti, organizzato da A.S.D Ribolla.

 Domenica 7 maggio, alle ore 8, si ritroveranno in Piazza della Paga i partecipanti alla tradizionale corsa podistica di 10 Km, intitolata “Trofeo La Miniera a Memoria” e inserita nel circuito Corri nella Maremma, mentre alle ore 9.30, ancora in Piazza della Paga, sarà la volta del ritrovo per tutti coloro che vorranno aderire alla passeggiata amatoriale “Walking Dog”. L’iniziativa, giunta alla seconda edizione e curata dalla Porta del Parco, proporrà un percorso di 4 Km in compagnia dei propri cani e arricchito dalla compagnia di una guida narrativa.

 Mercoledì 10 maggio, alle ore 10.30, l’ex Cinema di Ribolla ospiterà un incontro narrativo tra gli studenti di Norcia e Ribolla per il progetto “Gigia e Jordan un’amicizia a 4 zampe e tra due scuole”, insieme alla scrittrice Anna Genni Miliotti e all’istruttrice cinefila Paola Ceceri, mentre venerdì 12 maggio, alle ore 21, la stessa struttura ospiterà lo spettacolo teatrale “Sarto per Signora”, a cura de La Compagnia dell’Anello. Sabato 13 maggio, alle ore 15, le tradizioni popolari saranno protagoniste alla Cernita con “I Canti dei Maggerini”, insieme alle associazioni Sergio Lampis improvvisar cantando, Pro loco di Ribolla e i Carbonari Ribollini.

 "La miniera a memoria" continuerà martedì 16 maggio con una giornata ricca di appuntamenti alla Porta del Parco. Alle ore 9 è in programma la donazione del plastico “Castello del Pozzo 10” realizzato da Andrea e Simone Luschi, seguita, alle ore 9.30, dalla donazione del quadro “Incidenti e fraternità in miniera” di Dino Petri. Alle ore 10 sarà inaugurata la mostra “Le amiche della Miniera” di Barbara Solari dell’ISGREC, Istituto storico grossetano della Resistenza e dell'età contemporanea, mentre alle ore 15 sarà la volta della “Passeggiata narrativa”.

 Gli eventi alla Porta del Parco riprenderanno mercoledì 17 maggio, alle ore 15.30, con la tavola rotonda “La nave dei poeti ancora viaggia: ottava rima tra presente e futuro”, a cura dell’associazione Sergio Lampis, improvvisar cantando, mentre giovedì 18 maggio, alle ore 17.30, l’ex Cinema ospiterà la presentazione del nuovo Piano Operativo “Dal passato minerario al futuro sostenibile”. Domenica 21 maggio memoria e sport si uniranno nuovamente con la pedalata "In Bicicletta lungo i sentieri della miniera di Ribolla", con partenza alle ore 9 da Piazza della Paga e promossa da Cicloescursionismo Uisp, Maremma Mobilità Ecosostenibile, Associazione Carbonari Ribollini, Pro loco di Ribolla e Porta del Parco di Ribolla.

Lunedì 22 maggio, alle ore 15, Piazza della Paga ospiterà la sesta edizione della Festa di piazza, con mostre, danze, giochi e filastrocche “C’era una volta un villaggio minerario…”, a cura della Porta del Parco in collaborazione con la scuola primaria e dell’infanzia di Ribolla, Gruppo mamme di Ribolla, Pro loco di Ribolla e Auser Ribolla. Mercoledì 24 maggio, alle ore 14.30, la Porta del Parco ospiterà “Giochiamo con i minerali”, iniziativa per ragazzi da 8 a 12 anni a cura del Parco Nazionale delle Colline Metallifere e del Museo di Scienze della Terra dell’Università di Siena, mentre giovedì 25 maggio, alle ore 18, l’ex Cinema sarà animato dallo spettacolo teatrale, “Folli”, a cura del laboratorio teatrale per ragazzi dell’associazione Liber Pater. Sabato 27 maggio, alle ore 18, la memoria tornerà protagonista assoluta nella ‘Passeggiata del minatore da Ribolla a Montemassi’, con ritrovo alle ore 18 al Monumento al Minatore, promossa dalle associazioni Carbonari Ribollini, Unicorno e Arci Montemassi.

 "La miniera a memoria" si chiuderà martedì 30 maggio con la "Passeggiata narrativa" alle ore 15 alla Porta del Parco, seguita, alle ore 21 all’ex Cinema, dal reading in musica "Viaggiando con Bianciardi - Il Bibliobus e l’incontro con Ribolla e la sua comunità", a cura di ArtsCrafts in collaborazione con la Sezione Soci Coop Est Maremma e la Fondazione Bianciardi.

 Per informazioni sul cartellone "La miniera a memoria", è possibile contattare il Comune di Roccastrada al numero 0564-561229 oppure la Porta del Parco di Ribolla al numero 0564-578033. Il cartellone completo è disponibile sul sito del Comune.

 “Il 4 maggio 1954 - afferma Francesco Limatola, sindaco di Roccastrada - Ribolla visse la pagina più drammatica della sua storia e fu teatro di una delle maggiori tragedie minerarie nel mondo, tanto da essere considerata la Marcinelle italiana. Il nostro dovere imprescindibile, come istituzioni e come cittadini di Ribolla e di tutto il territorio comunale di Roccastrada, è quello di non dimenticare mai quella tragedia e le sue 43 vittime, colpite per sempre insieme alle loro famiglie. Questo anniversario è anche l’occasione, ogni anno, per riflettere e far conoscere la storia locale a tutta la comunità, coinvolgendo soprattutto le scuole che sono la nostra memoria per il presente e, soprattutto, per il futuro. Un impegno che animerà anche l’edizione 2017, grazie alle numerose associazioni coinvolte e ai tanti eventi in programma, che uniranno memoria, cultura e sport guardando anche a come sarà Ribolla nei prossimi anni, facendo tesoro del suo passato”.

 “’La miniera a memoria’ - aggiunge Emiliano Rabazzi, assessore alla cultura di Roccastrada - proporrà, insieme alla tradizionale giornata commemorativa del 4 maggio, numerosi eventi collaterali messi in piedi con la collaborazione delle nostre associazioni. A loro va un sentito ringraziamento, per la sensibilità e l’impegno che ogni anno dedicano a questo anniversario puntando a offrire un valore aggiunto alla memoria storica della tragedia mineraria di Ribolla, a rafforzare la nostra identità territoriale e la crescita sociale e culturale di tutta la comunità”.