Attenzione
  • JFolder: :files: Il percorso non è una cartella. Percorso: /home/coeso/public_html/images/foto/conferenza_amm_sostegno
Notice
  • There was a problem rendering your image gallery. Please make sure that the folder you are using in the Simple Image Gallery plugin tags exists and contains valid image files. The plugin could not locate the folder: images/foto/conferenza_amm_sostegno

Amministratore di sostegno: dal convegno al corso di formazione per volontari

L’importanza di una figura giuridica alternativa al tutore o al curatore è stata al centro di un convegno promosso a Grosseto dalla Federconsumatori: adesso le testimonianze degli ospiti di quell'incontro sono state raccolte nel volume dal titolo “L’amministratore di sostegno. Legge 9 gennaio 2004 n. 6” e presto prenderà il via un corso di formazione per volontari che intendono diventare amministratori di sostegno. 

La norma del 2004, infatti, offre un’importante alternativa alla pronuncia di interdizione o inabilitazione e rappresenta un’opportunità per l’accompagnamento e la tutela delle persone fragili, ma che sono ancora in grado di essere per molti aspetti autonomi, e che possono trarre un apprezzabile vantaggio da questo tipo di supporto. 

L’amministratore di sostegno è una figura giuridica nominata dal giudice tutelare per affiancare un soggetto debole nella cura dei propri interessi economici e non solo. I compiti dell’amministratore, diversi da caso a caso e specificati nel decreto di nomina emesso dal giudice, possono spaziare dall'assistenza nella gestione del patrimonio e delle risorse economiche alla tenuta dei rapporti con l’autorità sanitaria per la prestazione di consensi sulle cure e le terapie. 

La carica innovativa di questa figura sta proprio nel fatto che il beneficiario non viene e non si sente limitato nella propria capacità di agire. Anzi, il mantenimento della propria indipendenza e capacità di decisione è un importante elemento di affermazione personale che può allontanare e ritardare in alcuni soggetti fragili – in particolare anziani e disabili – il passaggio dall'auto alla non autosufficienza. 

“Nominare un amministratore di sostegno –  ha precisato il sindaco Emilio Bonifazi, presidente della Società della Salute grossetana – è un modo per mantenere la dignità della persona e allo stesso tempo cercare di non sovraccaricare il sistema dei servizi socio sanitari e socio assistenziali che sta facendo i conti con risorse sempre più scarse”. 

“Avere un sostegno che ritardi o impedisca l’insorgere della condizione di non autosufficienza – ha commentato Fabrizio Boldriniè quello che maggiormente interessa i servizi sociali, perché molto spesso si perde la propria autonomia in seguito a difficoltà o patologie banali”. 

Combinando le stime dell’Agenzia regionale di sanità, dell’Istat e dell’Osservatorio provinciale per le politiche sociali, infatti, emerge che il numero degli anziani fragili a rischio non autosufficienza si attesta intorno alle 8mila persone nell’intera provincia, mentre la sola Area grossetana ospita circa 3mila anziani non autosufficienti e 3mila 500 anziani fragili: tutte persone potenzialmente a rischio, che con un semplice supporto, invece, potrebbero mantenere una condizione di indipendenza.

“Questo strumento – ha precisato Daniele Testi, direttore amministrativo della Asl 9 – è di grande importanza anche per l’azienda sanitaria, perché può rappresentare un sostegno importante anche nel processo assistenziale sanitario, che spesso è connesso a quello sociale”.

A differenza dell’interdizione e dell’inabilitazione, che sono dichiarate con una sentenza del tribunale e che spesso si accompagnano a uno stigma sociale nei confronti della persona interdetta o giudicata inabile, l’amministratore di sostegno viene nominato dal giudice tutelare a seguito di una richiesta che può essere presentata dal coniuge, dai parenti fino al quarto grado, dal convivente, dai servizi sociali e dal beneficiario stesso. Questo rappresenta un’altra grande novità: la persona debole, per un’invalidità o in seguito a una menomazione, può richiedere un aiuto e un sostegno che può avere compiti modificabili nel tempo e calibrati sulla base delle necessità dell’“assistito” e specificati proprio nel decreto di nomina del giudice.

Quando nella rete di relazioni del soggetto fragile non si riesce a individuare una figura adatta a svolgere questo importante e delicato compito, il giudice tutelare può fare ricorso a rappresentanti di istituzioni,  fondazioni e associazioni. Ed è proprio per questo che Coeso Società della Salute, insieme ai Comuni consorziati e all’Azienda sanitaria, ha organizzato un corso di formazione per tutti i volontari interessati che prenderà il via nel mese di marzo.

“Voglio sottolineare -  ha detto Giuseppe De Martis, presidente della Federconsumatori di Grosseto – che l’iniziativa lanciata oggi è una delle prime esperienze a livello nazionale”. 

 

IL CORSO DI FORMAZIONE PER VOLONTARI 

Il corso, della durata complessiva di 32 ore, sarà tenuto da esperti e avvocati dei Fori di Firenze e Grosseto, e servirà a definire il quadro normativo, il sistema dei servizi sanitari, socio-sanitari e sociali, le modalità di relazione con il beneficiario, i suoi familiari ed i servizi, e altri aspetti amministrativi e gestionali, come gli obblighi e le responsabilità nella gestione degli interessi patrimoniali del beneficiario. 

Le persone interessate a partecipare possono rivolgersi al Coeso, scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..">Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Scheda informativa sul corso

ALTRI DETTAGLI SULL'AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO 

I compiti dell’amministratore di sostegno vengono definiti attraverso un decreto ad personam, quindi sono diversi a seconda della singole specifiche situazioni. Non è previsto nessun compenso per i compiti svolti, salvo un rimborso per le spese sostenute.

Con la figura giuridica dell’amministratore di sostegno si mantiene la centralità del beneficiario: è delle sue aspirazioni e volontà, infatti, che l’amministratore deve tenere conto per esercitare il proprio ruolo.

Un’altra importante novità da sottolineare è che possono fare ricorso a questo istituto giuridico anche le persone conviventi che desiderano tutelarsi, ad esempio, in caso di malattia.

{gallery}foto/conferenza_amm_sostegno{/gallery}